CURE GINECOLOGICHE

Le proprietà terapeutiche e i principi attivi contenuti nelle preziose acque di Telese si manifestano di grande utilità in alcune patologie della sfera uro-genitale femminile.

Il trattamento con le acque sulfuree poggia su radici antichissime e l’acqua sulfureo-carbonica, bicarbonato-calcica magnesiaca è tutt’ora impiegata, con efficacia terapeutica, presso le nostre terme nella cura delle affezioni infiammatorie e distrofiche dell’apparato genitale femminile (endometrite, annessite, salpingite, vaginite ecc.) così come nella sclerosi dolorosa del connettivo pelvico (da sclerosi cicatriziale post chirurgica o da esiti di processi flogistici pregressi), nella sterilità secondaria a seguito di malattie infiammatorie pelviche e nella prevenzione dell’aborto abituale.

Tali patologie sono contenute e – ancora più dettagliatamente descritte – nel decreto del Ministero della Salute che determina in generale le patologie per le quali sono ammesse le terapie termali in convenzione con il S.S.N.

Le irrigazioni vaginali , specie se abbinate con il bagno terapeutico sono, quindi, un vero toccasana nelle forme indicate contrastando utilmente patologie talvolta di difficile soluzione con le terapie tradizionali .

Le azioni biologiche attraverso le quali si realizzano gli effetti benefici sono di tipo esfoliante, antiinfiammatorio, antisettico ed eutrofico; la crenoterapia sulfurea favorisce il ripristino del PH e della flora batterica vaginale in maniera naturale.